Sanecovit

Bjobj

Bibao

Sinea

BioOut

La scelta naturale

Com'e' fatto un detersivo

 CENNI STORICI

La prima sostanza detergente fu il sapone, per una casualità intorno al 2500 a.c. un sumero fece colare del grasso sulla cenere ardente, in questo modo scoprì di avere ottenuto una pasta grigia e densa che, una volta raffreddata, si solidificava. Non si rese immediatamente conto di ciò che aveva ottenuto ma con il tempo scoprì che quella sostanza solida, se utilizzata insieme all'acqua, poteva pulire gli abiti e la pelle. Inconsapevolmente aveva ottenuto una reazione fra una sostanza grassa (che era colata sulla brace) e una sostanza alcalina (i carbonati della cenere). In pratica aveva ottenuto il primo campione rudimentale dell'attuale SAPONE.
Per molti anni, nell'antichità, il sapone fu l'unico prodotto detergente e inizialmente fu utilizzato solo a scopo di detergenza personale: per i capelli e per il corpo. In seguito le sue applicazioni vennero estese alla detergenza anche degli abiti.
Quindi il sapone ha sostituito, nell'antichità, tutta quella miriade di detergenti per il corpo e di detersivi per la casa ed il bucato che oggi comunemente tutti utilizziamo.

Ma come mai si è arrivati ad utilizzare una così grande quantità di prodotti anziché continuare ad adoperare solo il sapone?

Il merito è della ricerca chimica e della scoperta di nuove molecole che hanno azioni detergenti diverse a seconda della loro composizione chimica. Il potere di detergere e quindi di pulire di un qualsiasi prodotto è dato dal contenuto che esso stesso ha di TENSIOATTIVI.
Più avanti vedremo cosa sono e perché, questi principi attivi, sono fondamentali nella detergenza.

DETERGENZA ECOLOGICA E DETERGENZA TRADIZIONALE

Per detergenza tradizionale intendiamo i prodotti che solitamente si utilizzano e presenti sugli scaffali dei supermercati, in pratica tutti quei prodotti che non abbiano marchi di qualità che garantiscono l'ecologicità del prodotto.
Per detergenza ecologica intendiamo prodotti che vantano qualità che qualificano il prodotto come ecologico o comunque con un impatto ambientale più basso rispetto ai detersivi tradizionali. Solitamente i prodotti ecologici seri hanno marchi di qualità rilasciati da enti esterni che certificano il rispetto di alcune severe norme di produzione.

LA DETERGENZA PER LA CASA

I detersivi che normalmente utilizziamo, siano essi polveri o liquidi, sono composti da una miscela di acqua e sostanze chimiche atte a svolgere una funzione specifica in modo che il prodotto finito dia buoni risultati di lavaggio e sia gradevole e sicuro per chi lo utilizza.


Per esempio un normale detersivo è composto solitamente da questo gruppo di sostanze:

ACQUA

Per la normale produzione viene solitamente utilizzata acqua potabile che viene prelevata dalla rete idrica, alcuni produttori utilizzano acqua demineralizzata.

TENSIOATTIVI

Una spiegazione particolare va data sui tensioattivi, senza entrare nei particolari ma, dato che sono le principali sostanze che compongono un detersivo è necessario capirne la loro funzione. La molecola di un tensioattivo è composta da 2 capi di cui uno IDROFILO cioè con la capacità di legarsi all'acqua e uno LIPOFILO cioè con la capacità di legarsi ai grassi, questo ultimo capo oltre ad essere lipofilo è anche IDROFOBO, ha cioè la caratteristica di respingere l'acqua. 
Grazie a queste caratteristiche i tensioattivi quando vengono a contatto con l'acqua la loro parte idrofila si lega ad essa mentre la parte lipofila o meglio idrofoba tende a respingerla così facendo i tensioattivi hanno il potere di allentare la TENSIONE SUPERFICIALE DELL'ACQUA, permettendo così alle sostanze grasse di essere trasportate via più facilmente dai tessuti.
Per quanto riguarda la vera e propria rimozione dello sporco dai tessuti i tensioattivi utilizzano la parte lipofila per legarsi al grasso e quella idrofila per legarsi all'acqua del risciacquo e portare quindi via il grasso dalla superficie lavata; in pratica i tensioattivi hanno la capacità di EMULSIONARE il grasso nell'acqua.
I Tensioattivi si dividono in varie categorie: Non Ionici, Anionici, Cationici, Anfoteri a seconda del gruppo idrofilo e delle cariche dei propri ioni.
Vi sono inoltre tensioattivi derivati da materie prime di origine petrolchimicha: dodicilbenzene, alkilbenzene ecc… e tensioattivi derivati da sostanze vegetali come il cocco o la barbabietola: sodium coceth sulfate, alkylpolyglycosidi, cocoamidopropylbetaina ecc… I tensioattivi derivati da materie prime di origine vegetale, e quindi rinnovabile, sono praticamente una fonte inesauribile.

DETERGENZA ECOLOGICA: Nella detergenza ecologica solitamente si utilizzano tensioattivi derivati da sostanze naturali come il cocco, la barbabietola, ecc. (coccoamidopropyl betaina, sodium coceth sulfate, ecc.) oltre a derivare da fonti praticamente inesauribili questi prodotti sono meno aggressivi sulla pelle e perdono la loro attività in breve tempo si biodegradano quindi più facilmente nell'ambiente.

ADDENSANTI

Sono solitamente utilizzati nei liquidi, l'addensante più comune è il sodio cloruro (sale da cucina). Serve per ottenere un detersivo liquido più denso e quindi più facilmente dosabile e piacevole al tatto.

COLORANTI

Vengono utilizzati nei detersivi liquidi al solo scopo di colorare il prodotto per renderne facile l'individuazione e piacevole l'aspetto. Non hanno alcun potere lavante.

DETERGENZA ECOLOGICA: Non vengono utilizzati, il colore del prodotto è esclusivamente dato dai suoi ingredienti. L'aspetto del prodotto finito, specialmente se si utilizzano oli essenziali o estratti naturali, può variare ad ogni produzione (una variazione a volte visibile).

OPACIZZANTI

Come dice il nome stesso, vengono utilizzati per rendere il liquido opaco e quindi dare un aspetto più cremoso al detersivo. Non hanno nessun potere lavante.

DETERGENZA ECOLOGICA: Solitamente non si utilizzano.

PERLANTI

Hanno la capacità di dare al detersivo un aspetto lucente di un color perla brillante.

DETERGENZA ECOLOGICA: Solitamente non si utilizzano.

ENZIMI

Sono microrganismi in grado di disgregare lo sporco sia quello dato dagli amidi, dalle proteine e dai grassi (enzima amilase per gli amidi, protease per le proteine ecc...)

DETERGENZA ECOLOGICA: Vi sono vari filoni di pensiero, uno è quello che gli enzimi continuino la loro azione anche dopo l'utilizzo del detersivo e quindi nei fiumi e nei mari, l'altro è quello che comunque gli enzimi esistono in natura e di conseguenza non fanno danni ulteriori quelli immessi nell'ambiente dai detersivi. Data la mancanza di una posizione certa, nel nostro caso, si è preferito non utilizzarli.

SBIANCANTI OTTICI O AZZURRANTI

Sono sostanze che si fissano sui tessuti e hanno la capacità di riflettere i raggi di luce dando visivamente ai tessuti un aspetto più bianco.

DETERGENZA ECOLOGICA: Non vengono utilizzati dato che rimangono sui tessuti e, come tutte le sostanze che vengono a contatto con la pelle, possono creare reazioni allergiche.

CONSERVANTI

Un grande compito rivestono i conservanti in un detersivo.
I conservanti, lo dice la parola stessa, hanno la proprietà di conservare un prodotto evitando la proliferazione di muffe e batteri. Dato che in presenza di acqua il rischio di inquinamento è sempre molto alto, l'utilizzo di conservanti si rende indispensabile.
I conservanti che si utilizzano nella detergenza sono molecole di sintesi (cioè non esistenti in natura) che hanno lo scopo di mantenere il prodotto con le proprie caratteristiche evitando le contaminazioni esterne.
Senza conservanti qualsiasi prodotto nell'arco di breve tempo si inquinerebbe marcendo e creando colonie di muffe e batteri.
Ogni volta che tocchiamo o semplicemente facciamo entrare aria a contatto con un detersivo liquido mettiamo questo detersivo a contatto con migliaia di batteri che, se non uccisi, si moltiplicherebbero dando origine al degrado del prodotto.
I conservanti nei detersivi liquidi sono indispensabili (non si utilizzano solo per alcuni prodotti come la candeggina o prodotti a base di acidi che hanno già di per sé poteri fungicidi e conservanti).

PROFUMO

La profumazione di un detersivo è molto importante, ogni volta che vogliamo acquistare un nuovo prodotto la prima cosa che facciamo è sentirne il profumo, oltre che per la sensazione che ci trasmette quando lo annusiamo, soprattutto per la piacevole nota che lascia sui capi dopo il lavaggio.
Esistono profumi sintetici o naturali.
Solitamente i profumi sintetici sono creati in appositi laboratori che miscelano varie fragranze fino ad ottenere la profumazione desiderata, i profumi naturali sono gli oli essenziali, vengono estratti dalle piante o dai loro fiori, e per questo la loro gamma è molto ristretta rispetto a quelli sintetici.
Gli oli essenziali migliori sono quelli da agricoltura biologica, dove le piante all'origine non vengono trattate con sostanze chimiche, vengono solitamente estratti in corrente di vapore e conservano tutte le caratteristiche naturali della pianta. Nella detergenza tradizionale si tende ad utilizzare molto il profumo sintetico perché rispetto agli oli essenziali costa meno.

DETERGENZA ECOLOGICA: Si utilizzano solo oli essenziali, nei migliori prodotti gli oli essenziali sono da coltivazione biologica.
Nel nostro caso si utilizzano oli essenziali da coltivazione biologica di grado alimentare.

INGREDIENTI AGGIUNTI

Gli ingredienti aggiunti che solitamente vengono utilizzati sono sostanze atte a migliorare la qualità del prodotto, per esempio nei detersivi Piatti a mano, si aggiungono estratti di piante per preservare la pelle dall'azione dei tensioattivi, in alcuni detersivi liquidi per la Lavatrice viene utilizzata la glicerina vegetale per evitare il formarsi di troppa schiuma ecc...
Gli additivi, se hanno una specifica azione e non il solo scopo pubblicitario, non possono che giovare alla qualità dei prodotti.

DETERGENZA ECOLOGICA: Si tendono ad utilizzare estratti vegetali che migliorino le prestazioni dei prodotti.
In alcuni prodotti come nel detersivo lavatrice si è obbligati a utilizzare la glicerina vegetale per evitare la formazione di troppa schiuma nella lavatrice (mentre nella detergenza tradizionale si utilizzano abbattitori di schiuma sintetici).
Nel nostro caso per esempio nel detersivo Piatti si è utilizzato il succo di Aloe biologico per attenuare l'effetto aggrressivo, sulla pelle, dei tensioattivi.

L'elenco delle sostanze presenti è scritto sul retro di ogni flacone alla voce COMPOSIZIONE.
Oltre a queste sostanze ve ne sono molte altre, utilizzate anche nei detersivi in polvere, che per questione di esemplificazione, non prenderemo in considerazione in queste pagine.

Copyright © 2017 San.Eco.Vit. srl
P.IVA 02670160122 - Credits.